* Canto XI – Paradiso


De l’un dirò, però che d’ambedue

si dice l’un pregiando, qual ch’om prende,
perch’ad un fine fur l’opera sue.
Intra Tupino e l’acqua che discende
del colle eletto del beato Ubaldo,
fertile costa d’alto monte pende,
onde Perugia sente freddo e caldo
da Porta Sole: e di rietro le piange
per grave giogo Nocera con Gualdo.
Di questa costa, là dov’ella frange
più sua  rattezza, nacque al mondo un sole,
come fa questo tal volta di Gange
….
…recitando per le campagne padane…quanti amici!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...