Questione di privacy


Ecco, bravo, riprendimi da dietro intanto che ti faccio ciao ciao con la manina: ti voglio dire, in questo modo, che sei un balengo! L’hai capito? Non penso proprio…
Io non scendo al parco appena alzata per discutere e tanto meno per insegnare le norme sulla privacy (leggi educazione, conosci il termine? Qualcosa ti sovviene, almeno dall’infanzia?)

Che tu mi dica, nell’ordine:
che stavi fotografando i tubi,
che io non ti interesso,
che stai fotografando l’opera architettonica
e infine che io non so se hai scattato oppure no,
sono farfugliamenti di argomentazioni da picio con Q.I. particolamente bassoscusa se insisto…e in quanto tale parecchio irritante.
Mi stavi puntanto l’obiettivo già da lontano, ho cambiato direzione per consentirti di fotografare senza riprendermi e continuavi a puntarmi…non lo devi fare proprio perché io non posso sapere se scatti oppure no…machetelodicoafa’?le mie conclusioni su di te non sono poi così distanti da quello che sei nella realtà, ed in genere incontrare i coglionazzi mi disturba parecchio, è una fastidiosa perdita di tempo e preferisco non dar loro corda.
La volta che imparerò ad essere un po’ meno buona (e quando mai!?) ti faccio passare i 5 minuti più adrenalinici della tua vita in compagnia di qualche rappresentante dell’Ordine.
Photo by ma.gia



Annunci

4 pensieri su “Questione di privacy

  1. Perché dovresti vergognarti o spaventarti? Non lo capisco , ma per certo devi sottrarti e chiarire con il tipo che non deve puntare lo smart verso di te. In effetti ci sono mille modi per fare una foto ma l’arroganza e la stupidità sono sempre parecchio irritanti.

    Liked by 1 persona

  2. L’anno scorso è uscito fuori un mezzo discorso con un signore sui 40/50 di un mio esame imminente e del fatto che era nel giorno del mio compleanno (avevo il librone di chimica generale con me) e questo mi fissa da allora. Lunedì si sposa sedendosi vicino a me, ma dal lato opposto e mezzo girato e mi fissava avendo il cellulare tra le mani, come se volesse farmi una foto o cosa. Mi stavo per vergognare di essere una quasi 21enne che in autobus ripassa o si rilassa ascoltando musica. Stavo per scendere e avevo sistemato i miei appunti nel raccoglitore. E che cavolo. Mi sono spaventata.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...