#raccomandazione: un amore da oscar!


Istituiamo qui i lunedì dal parrucchiere (anche retroattivi😜) perfetto è l’ultimo giorno di luglio e i parrucchieri vanno in ferie, gli argomenti saranno quelli trattati nei loro saloni…quelli che trattiamo qui, di economia certo non possiamo parlare per non esporci, quindi parleremo di sentimenti e di vita, se possibile in modo ancora più superficiale, più…televisivo, ecco!

Giovani, soprattutto voi, diffidate di chi non sa regalarvi risate e poesia! L’amore nei confronti di un’altra persona è un di più che ci viene offerto dalla vita e che non serve a completarci o a renderci felici: tutto questo, nella nostra vita, dipende unicamente dalla nostra persona. Quindi che non dobbiate mai arrivare a raccontare che la vita è bella soltanto quando avete qualcuno accanto o a raccontare il vostro amore come un esercizio ginnico perfezionato giorno dopo giorno dall’allenamento in camera da letto o altrove!!!
Certo si affina l’intesa ma l’amore non è le sessioni di specializzazione una dietro l’altra, quello non è amore! Quello è un’altra cosa, è accomodamento perché non si ha niente di meglio, è ripiego, è abitudine come in una palestra dove ci troviamo bene, ne riconosciamo gli orari i suoni i rumori gli odori i sorrisi e ci affezioniamo sempre di più a quel posto. L’amore non si racconta come ‘una ciliegia tira l’altra’ soprattutto se nel tempo si sono verificate chiare intenzioni  distruttive nei confronti dell’altra persona.  Ci può essere un bell’accomodamento a passare del tempo insieme, sintonia e organizzazione, foss’anche una vita intera trascorsa così. Tutto il resto che è amore…manca…

L’amore è tutta un’altra cosa, è un sorriso che non sai dimenticare, uno sguardo dentro un altro che non riesce a mentire, è sentire a distanza che l’altro c’è magari nascosto nei grovigli del cuore e del cervello, è curiosità di sfiorarlo, di trovarcisi a tu per tu, è desiderio di placare finalmente la fantasia che corre all’altra quando non dovrebbe, è quando senti il profumo dell’acidità mista a caffè che ha in bocca al mattino e immagini che abbia mangiato il tartufo la sera precedente e pensi che a te piace il tartufo…

Nell’amore, come in poesia, tutto è finalizzato all’assoluto, è escluso il gusto alla mistificazione, tutto è accettazione e meraviglia altrimenti non parliamo di amore, pur con gli infiniti dubbi sulle cose esterne e successive e da subito e sopra ogni cosa l’istinto nei confronti dell’altro è senza tentennamenti, senza ostilità, senza voler ‘far fuori’ l’altro e in questo caso senza secondi fini nell’animo, senza il desiderio di distruggere lui o una parte di lui o quello che istintivamente rappresenta, e questo non può avvenire dopo n volte, non può accadere che ci siano certi segnali distuttivi né la prima volta né dopo mesi né dopo anni, questo è istintivo, non possono esserci segnali che contraddicono l’istinto in positivo, è sufficiente trovarsi una volta per verificare questo, non la seconda non la terza non la quarta non la quinta non la sesta non la settima non l’ottava non la nona non la decima non l’undicesima non la dodicesima non la tredicesima…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...