#acrosstheuniverse #forseèlamore


Conversazione di almeno 10 minuti stando in coda per prendere un ‘gelato all’italiana’.
Si sa, ogni italiano è attratto da casa propria se deve ingurgitare qualcosa. Io avevo proprio fame ma non volevo mangiare e il gelato mi era sembrato il giusto compromesso.

 

10 minuti a discutere perché il gelato costava 2,80, lei voleva due gusti, lui non voleva la vaniglia e sollecitava di spostarsi all’offerta successiva, perché dava per scontato che più avanti nell’animata unica via centrale, lo stesso cremoso cono sarebbe costato 2,50.

 

Andiamo a prendere quello a 2,50?
Eh, ma sei un bambino!
Ma io non ne ho voglia di vaniglia!

Ma non siamo mica a casa?!

 

Ecco. Questo semplice accenno e mi si è sparata davanti la raccapricciante quotidianità.

No, ma invitatemi una sera d’inverno. Mi farebbe davvero piacere godere della vostra atmosfera.
Vivrò in attesa dello spasmo di adrenalina su :”Cosa mangiamo stasera?”

Ecco. Mi chiedo, ma non possono confrontarsi con le inquadrature di qualche foto, il dettaglio letto su un sito della storia di quel particolare nella costruzione medievale, una opinione divergente su quanto possa influire sull’anima di una persona l’immagine di quella natura all’apparenza così tranquilla, eppure in pochi attimi così impetuosa, un’iscrizione latina di cui inventate la traduzione, giocate, create…Lasciate libera la creatività e l’intelligenza, non abbiate timore, può essere utile anche come banco di prova della sua esistenza e consistenza!
Una disquisizione sulla praticità ed elasticità dei diversi modi di mettere le stringhe delle scarpe da ginnastica, con tanto di vicendevole e discutibili argomentazioni. Oppure su qualche altro minimo particolare che abbia un significato per entrambi e ad entrambi possa essere utile come integrazione e contrasto con il proprio punto di vista.
Il tutto con un apporto concreto dettato dalla diversità e molteplicità dei gusti e del proprio modo di percepire le cose.

Chiedo troppo? Non sono disquisizioni filosofiche. È solo un trattato di non belligeranza senza altrui annientamento (forse non è contemplato).
È particolare, è nel quotidiano, è diversa visione, è opinione contrastata, insomma gli ingredienti ci sono tutti ma la diversità è incolmabile. Incolmabile perché non è facile andare oltre la voce dei battibecchi quotidiani, quelli che lasciano perplessi, quelli che sai dal primo giorno che non muteranno, quelli che indicano ingerenza, sopraffazione, aggressività, non hanno senso e portano a galla il non senso di altri illusori e ingannevoli meccanismi.

 

30 centesimi, un gelato in due, 50 anni ciascuno, vacanza in terra straniera e sottolineo vacanza, qualche accusa e qualche recriminazione neanche tanto velata e una noia infinita (ad essere bonari) che trascende in tristezza, quando finalmente:
Et vous madame?
Chocolat e caramel! Très gentile.
Au revoir!
Bonsoir madame.
Photo by ma.gia
p_20190817_153927_vhdr_auto7438294560235752669.jpg
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...